UN PROGETTO DI LEGGE ANCHE IN EMILIA ROMAGNA

 FINALMENTE ANCHE IN EMILIA ROMAGNA UN PROGETTO DI LEGGE A FAVORE DEI DISLESSICI!

 

18 settembre 2008. Il gruppo fi-pdl, primo firmatario Luigi Giuseppe Villani, ha presentato una proposta di legge all’Assemblea legislativa che ha l’obiettivo di intervenire a favore dei soggetti affetti da dislessia e da Dsa (disturbi specifici dell’apprendimento) garantendo un supporto alle famiglie, alle scuole ma anche agli operatori sanitari. “La dislessia – rilevano i proponenti nella relazione – è una disabilità dell’apprendimento (circa il 3-4% della popolazione scolastica in Emilia-Romagna) di origine neurobiologica che ha la sua maggiore manifestazione nella difficoltà dei soggetti che ne sono affetti a leggere velocemente e correttamente ad alta voce ed è spesso accompagnata da altre difficoltà nell’apprendimento quali la disgrafia (difficoltà a scrivere in modo leggibile e fluente), la disartografia (difficoltà a fare proprie le regole ortografiche) e la discalculia (difficoltà nelle abilità numeriche ed aritmetiche), che non possono essere ricondotte ad insufficienti capacità intellettive, a mancanza d’istruzione o a deficit sensoriali ma sono classificati dalla scienza medica in disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa)”. La proposta presentata, composta di nove articoli, prevede campagne di sensibilizzazione indirizzate ai genitori e agli insegnanti, al fine di prepararli alle problematiche legate ai Dsa, incrementando anche la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante l’anno scolastico, prevedendo, in particolare, di fornire ad insegnanti ed educatori tutti gli strumenti formativi (percorsi specifici nella programmazione regionale). Sono previsti, a questo proposito, anche corsi di formazione e di aggiornamento per gli operatori sanitari preposti alla diagnosi e alla riabilitazione di persone affette da questi disturbi. Si prevede, inoltre, il coinvolgimento del sistema sanitario che deve adeguare le proprie strutture ad una maggiore attenzione verso queste problematiche, predisponendo percorsi diagnostici di identificazione precoci e appropriati e strumenti riabilitativi. La Regione, infine, dovrà assicurare alle Istituzioni scolastiche la disponibilità di misure compensative e dispensative al fine di attuare quanto previsto dalla circolare ministeriale 28/2007; garantire agli affetti di Dsa pari opportunità di sviluppo delle loro capacità, assicurando nelle procedure concorsuali e selettive per l’accesso agli uffici regionali, condizioni compensative e dispensative, ispirate a criteri di flessibilità, nell’espletamento delle relative prove, nell’ambito delle quali potrà essere prevista l’utilizzazione di apposite strumentazioni e di specifiche modalità di svolgimento dei tempi di durata delle stesse.

 

 

SCARICA IL TESTO DEL PROGETTO DI LEGGE

 

clicca qui per controllare l’iter della legge regionale

UN PROGETTO DI LEGGE ANCHE IN EMILIA ROMAGNAultima modifica: 2008-10-16T19:41:00+00:00da sabry685
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento